Mese: Agosto 2015

Posted in La persistenza della memoria (Poesie)

Nel grembo di Madre Natura

Culla il mare i nostri corpi, le onde ci fanno oscillare, come feti nel grembo, come gemelli mai nati. E’ Madre oggi il Mare, e…

Continue Reading
Posted in Gocce d'Acqua in un mare di petrolio (Poesie)

Spesso

Spesso mi siedo a pensare… Al vuoto., al pieno… Al nulla… a tutto… Spesso mi desto dal sogno che mi lega alla vita, che mi…

Continue Reading
Posted in Gocce d'Acqua in un mare di petrolio (Poesie)

Mitakuye Oyasin

Occhi che guardano, dispersi nel vuoto Orecchie che ascoltano, lingue sconosciute. Come posso non capire. Come posso non intervenire. Mani giunte in preghiera, mani tese…

Continue Reading
Posted in In una sera di Novembre (Poesie)

Il fiume

Nascere alla base di un monte. Piccola sorgente d’acqua che sale verso la cima. Crescere mentre si sale, nutrirsi di esperienze e sofferenze. Aumentare la…

Continue Reading
Posted in Letteratura del medio oriente

Le ali spezzate – Kahlil Gibran

Farò della mia anima uno scrigno per la tua anima, del mio cuore una dimora per la tua bellezza, del mio petto un sepolcro per…

Continue Reading
Posted in Poesie 2015

Una goccia di sudore

  Dalla fronte nacque come rugiada su un petalo come un ruscello da una fonte. L’acqua trova sempre la sua strada così lei si avventurò…

Continue Reading
Posted in La persistenza della memoria (Poesie)

Al mai nato

Gli occhi socchiusi, un corpo estraneo si fa strada, il piacere aumenta, e le labbra si lasciano mordere. Un piccolo seme vien lanciato nel pozzo,…

Continue Reading
Posted in Alessandro Bon La persistenza della memoria (Poesie)

“La persistenza della memoria in ebook”

Cari amici è uscita anche l’edizione in ebook del mio nuovo libro “La persistenza della memoria” e vi posso garantire che è una grande soddisfazione…

Continue Reading
Posted in Poesie 2015

La tela del ragno (poesie 2015)

Un ragno tesseva la tela, paziente disegnava la sua rete, aspettando mite la cena. Un colpo di vento spezzò i fili e tutto quel lavoro…

Continue Reading
Posted in Una canzone diventa poesia

“Where the wild roses grow” di Nick Cave ovvero l’amore malato

Mi chiamano Rosa Selvatica Ma il mio nome era Elisa Day Non so perché mi chiamino così Il mio nome era Elisa Day Capii che…

Continue Reading