Al veneto de ‘na volta

Ti te ricordi quando xe parlava in veneto, e non xera un’ofesa par nessun esser orgoglioso dea to tera. Ti te ricordi quando par strada tuti se sautava, e non ghe xera solitudine. I bocia saltava ‘a corda par strada, e i veci sentai in carega xe racontava storie de guera e de vita. Che bei xera quei tempi… Eppur xe pasà soo un 20 – 25 ani… ma deso me sento foresto in sta cità che i ciama Venessia…

I veci xe conosseva tuti, e ti non ti xeri Alessandro, ma el nevodo dea Ruza, el fio del Bon. Xe xogava a mama caseta, e non coa “play station”, e a sera se ‘ndava fora coi noni a xogar a nascondin fin ae diese. Se, sentiva sigàr nei campeti putei che se divertiva, non ghe xera mai siensio, mai se non de pomerigio, quando gli operai de Marghera ‘ndava a dormir.

E i nonsoi? Ti tei ricordi, a sera a corer drio ai nonsoi? Ma ti tio sà come se ciama in ‘tajan… mi no: i go sempre ciamai così…

Ma dove i ga nascosto el me veneto, dove i ga mandà a me cultura, dove i imbusà i putei… I ne ga copà, i ne ga asimilà… e non semo più boni de tornar a eser veneti, come se eserlo ofenda i foresti…

Articolo creato 430

2 commenti su “Al veneto de ‘na volta

  1. Caro Alessandro, non sono Veneta, ma mi considero cittadina del mondo, per
    questo mi sento anche un po’ Veneta.
    La tua nostalgia dei bei tempi sereni e puliti è comune a tanta gente che ama ancora la vita genuina .
    educata e colta.
    Oggi vivere è soprattutto Sopravvivere a una società rozza e indecente.

    Un abbraccio sincero
    Gina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto