Vendemmia (poesia)

Vendemmia

Piedi che affondano nel fango,
le mani che si sporcano di nero,
profumo di uva che mi inebria.

Vociare di persone vicino a me.
Serenità, vita, amore.

I bambini calpestano ridendo l’uva,
nei tini sotto i loro piccoli piedi,
si dividono il mosto e la feccia.

La natura mi accoglie.

Di fronte a Lei
tutti siamo uguali.
Tutti siamo figli suoi.

Vorrei una vita con Lei.
Come Lei.

Author: alessandrobon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *